Anche nell’ultima serata, poco propensa di solito all’invenzione (troppa tensione, troppe cose da fare), la cosa migliore viene dalla regia. E’ un’inquadratura, una scelta di scrittura televisiva che vale da sola il canone, è il piano-sequenza che segue Laura Pausini durante la sua seconda esibizione canora. La cantante a sorpresa scende dal palco, si incammina lungo uno dei corridoi, arriva nel foyer e infine esce fuori dall’Ariston su corso Matteotti, mentre la telecamera non la molla mai, tutto senza uno stacco. Non ricordo cosa stesse cantando – con le canzoni della Pausini è normale- ma il pezzo di tv è da antologia.

Se la regia è da Oscar, non condivido l’entusiasmo per l’interprete: la solita Pausini sentimentale, sospirosa, carica di un pathos che non si capisce mai da dove venga, cosa riguardi. Ma io di musica non capisco nulla, quindi lasciamo perdere e diciamo due parole su un tema che ogni anno si pone: quanto Sanremo, le sue canzoni, i suoi premi rispecchino il mondo, la società in cui viviamo con i suoi problemi più veri.

Mi pare che quest’anno non si possa rimproverare il festival di indifferenza o vanità. Sia tra i campioni che tra i giovani (forse ancor più tra questi ultimi) i grandi temi ci sono tutti: terrorismo, migrazioni, integrazione. C’era anche l’emergenza congiuntivo che alla fine è passata un po’ in sordina. Peccato, perché la canzone era proprio carina e anche la sua messa in scena. Ma si sa quella del congiuntivo era un’emergenza quando li sbagliava Di Maio. Ora che non li sbaglia più, l’emergenza è finita e il bravo Lorenzo Baglioni se ne è dovuto fare una ragione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2018, Stato Sociale: “Incredibile. Siamo arrivati penultimi al contrario”

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2018, oltre 12 milioni di telespettatori e share al 58,3%. Ma non è stato record

next