Confronto a Torino, negli spazi occupati della Cavallerizza, tra il sindaco Chiara Appendino e quello di Napoli Luigi De Magistris  sull’uso civico dei beni comuni. Tra le poche voci critiche sull’operato della prima cittadina torinese, ci sono state quelle di alcuni esponenti del mondo anarchico: “State agendo con le stesse modalità del Pd – hanno accusato la sindaca – gli sgomberi a Torino ci sono come testimonia il Fenix (spazio sgomberato a dicembre), la minaccia di sgombero dell’Asilo e lo sgombero latente del Moi”. La sindaca replica che nel caso del Moi non si è trattato di uno sgombero, ma di un “intervento umanitario”, mentre il primo cittadino napoletano commenta: “Non posso giudicare che cosa accade nelle altre città, ma nella mia città posso assicurare che non ci sono stati né ci saranno sgomberi”