Altro che la Sala dei Gigli di Palazzo Vecchio o la Leopolda renziana. Per ospitare i quasi 4mila commensali servirebbe almeno il Mandela Forum, il più grande palazzetto di Firenze. L’evento goliardico intitolato “La cena di Nardella” e previsto il prossimo 15 febbraio ha riscosso subito un grande successo su Facebook tra i cittadini fiorentini: ad oggi i “partecipanti” sarebbero 3.600 e gli interessati oltre ottomila. E tutto questo per farla pagare al sindaco Dario Nardella che in una intervista del maggio 2016 al mensile cittadino il Reporter aveva detto: “La tramvia sarà pronta entro il 14 febbraio 2018, scommetto una cena con i fiorentini”. La scadenza è praticamente arrivata e la città è ancora piena di cantieri. Di certo le linee 2 e 3 della tramvia non saranno pronte entro San Valentino e probabilmente non lo saranno neppure entro maggio-giugno, come previsto dal sindaco lo scorso agosto.

E così è esplosa tutta l’ironia dei fiorentini su Facebook. L’idea è di Gianluca Bertelli che, oltre alla location d’eccezione (Palazzo Vecchio), ha pensato anche ad un menù, pure questo goliardico, tutto dedicato al Giglio magico renziano: antipasti del Sud Tirol alla Bosken, primo “inciuci alla Rignanese”, secondo “fritturina alla De Luca” e dolce “torta divisa alla Etruria”. “Nardella ha perso la scommessa – si legge nella descrizione dell’evento – e quindi essendo un uomo di parola come il suo “Capo” (riferimento ironico a Matteo Renzi, nda) offre la cena a tutti i fiorentini”.

Seguono centinaia di commenti: c’è chi chiede di prenotare per quattro (“si viene in tramvia…no, meglio in auto, altrimenti un si cena”), chi propone di “portare tavoli di plastica in Piazza della Signoria” perché dentro Palazzo Vecchio tutti non ci starebbero e chi viene “apposta” dalla California per partecipare all’evento. “Ogni giorno giro per Firenze in motorino e sembra di stare a Kabul – racconta Bertelli al Ilfattoquotidiano.itLavori dappertutto, gente che si lamenta, traffico in tilt. Così mi sono ricordato della promessa di Nardella e ho deciso di creare l’evento per scherzo. Adesso ricevo decine di messaggi di concittadini che mi chiedono di fare qualcosa”. Nei corridoi di Palazzo Vecchio assicurano al Ilfatto.it che il fake-evento sta “divertendo” sindaco e assessori (“Tutto fa parte dell’ironia dei fiorentini”, dicono) ma poi il tono si fa subito istituzionale: “Stiamo lavorando per realizzare l’opera presto e bene”. Chissà se arriverà una replica del sindaco, proprio il 14 febbraio. Intanto però, nel gruppo, si è fatta strada una proposta a metà: ovvio che Nardella non possa offrire ma una cena a migliaia di fiorentini, ma mantenga la parola facendo del bene. Quindi ecco l’invito a donare simbolicamente 100 pacchi spesa a 100 pensionati minimi.

La promessa di Nardella del 2016 riguardava le linee 2 e 3 (la 1 è stata inaugurata proprio il 14 febbraio 2010) che uniranno due snodi fondamentali della città come l’aeroporto di Peretola e l’ospedale di Careggi al centro cittadino. Ormai la tramvia è diventata un incubo per i fiorentini che ogni giorno devono districarsi tra lavori vecchi e nuovi per muoversi in città. E non è certo la prima volta che i tempi di costruzione non vengono rispettati: la prima pietra della linea 2 era stata messa dall’allora sindaco Renzi nel novembre 2011 con tanto di annuncio: “Sarà pronta nel 2014 – aveva detto – rispetteremo i tempi, ci mettiamo la faccia”.

Poi tra aggiustamenti, ritocchi sul percorso e disagi per i cittadini si è arrivati all’ultimo intoppo: una settimana fa si è scoperto che 25 metri di binari della nuova tramvia vanno smontati e rimontati a causa di un errore di costruzione in Via Valfonda con un dislivello di 10 centimetri rispetto al previsto. “Sono preoccupato – è stata la reazione a caldo del sindaco Nardella – questo comporterà un ritardo che spero sarà riassorbito il prima possibile”. Poi ha rilanciato: “Nel 2019 partiranno i lavori per la linea 4”. Ma stavolta non ha scommesso alcuna cena.