PARADISE di Andrei Konchalovsky, con Julia Vysotskaya, Christian Clauß, Philippe Duquesne Russia/Fr/Germ 2016 Durata: 130’ Voto: 3/5 (AMP) 

Viaggio all’inferno senza ritorno. Dal titolo evidentemente costruito sul paradosso, il nuovo lavoro del grande autore russo entra nelle dinamiche intime e morali di tre personaggi coinvolti con l’Olocausto nella Francia occupata dai nazisti. Definito dallo stesso Konchalovsky quale “dramma da camera”, mette in risalto il racconto di ciascuno di loro (Olga, un’aristocratica russa membro della resistenza francese, Jules, un francese che diventa collaborazionista e Helmut, un aristocratico tedesco che entra nelle gerarchie delle SS) facendolo narrare in prima persona con sguardo in camera dai protagonisti stessi. La loro testimonianza è intervallata da sequenze di ricostruzione come pure da materiali di archivio. Film complesso e concettuale, ma anche intenso romanzo d’amor perduto, Paradise esce nelle sale italiane in occasione della Giornata della Memoria a un anno e mezzo dalla sua presentazione in concorso alla Mostra veneziana 2016 dove vinse il Leone d’argento per la miglior regia.

INDIETRO

Film in uscita al cinema, cosa vedere e non nel fine settimana del 26 gennaio

AVANTI
Articolo Precedente

I film della settimana al cinema, su RaiPlay e Netflix: da Matt Damon a Ligabue

next
Articolo Successivo

West Side Story, Steven Spielberg si prepara a girare il remake. Su Twitter il bando per il casting

next