Il Tribunale federale nazionale della Figc ha stabilito che la Lazio dovrà pagare 50 mila euro di multa per gli adesivi antisemiti affissi in curva sud all’Olimpico dagli ultras biancocelesti. Il procuratore della Figc Giuseppe Pecoraro aveva chiesto oltre alla multa, anche 2 turni a porte chiuse per la Lazio, ma il giudice Cesare Mastrocola, ha accolto solo in parte la richiesta della procura, sanzionando il club soltanto con l’ammenda.

La vicenda risale al 22 ottobre scorso, quando in occasione del match di campionato con il Cagliari alcuni tifosi avevano introdotto e affisso all’interno della curva Sud diversi adesivi riportanti l’effige di Anna Frank con indosso la maglia della Roma. Nel corso delle indagini, grazie alle immagini delle telecamere interne all’Olimpico era stato possibile invididuare 15 ultras biancocelesti (tra loro alcuni apparteneti al gruppo degli “Irriducibili” e anche due minori, il più piccolo di soli 13 anni) responsabili delle affissioni. Per loro, i pm hanno avanzato l’ipotesi di istigazione all’odio razziale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Treno deragliato a Pioltello, Maroni arriva sul luogo dell’incidente. E la Polfer porta via i bagagli dei passeggeri

next
Articolo Successivo

Treno deragliato a Pioltello, la pm Siciliano: “Convoglio molto affollato. Ipotesi sulle cause? Tutte al vaglio”

next