Addio a Paul Bocuse, re della nouvelle cuisine francese. A poche settimane dalla scomparsa di Gualtiero Marchesi, l’alta cucina perde un altro dei suoi maggiori interpreti. Bocuse, 91 anni, era stato definito il padre della cucina francese, che per decenni ha incarnato in tutto il mondo. È stato l’unico chef ad aver mantenuto la valutazione massima delle tre stelle della guida Michelin per 50 anni consecutivi, con il suo ristorante, fondato dal nonno paterno, a Collonges-au-Mont-d’Or.

A dare su Twitter la notizia della sua scomparsa è stato il ministro francese dell’Interno, Gerard Collomb. “Paul Bocuse è morto, la gastronomia è in lutto”, ha scritto il ministro. “Monsieur Paul era la Francia – ha aggiunto Collomb – semplicità e generosità. Eccellenza nell’arte di vivere. Il papa della gastronomia ci ha lasciati”.  Il grande cuoco era nato l’11 febbraio 1926 nella cittadina vicino Lione e da anni era ammalato di Parkinson. E non è un caso che ad annunciare la sua morte sia stato Collomb, a lungo sindaco di Lione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kim Kardashian nuda su Instagram manda in visibilio i suoi follower

prev
Articolo Successivo

Verdura, come conservarla e cuocerla al meglio

next