Un incendio di vaste dimensioni è divampato domenica 7 gennaio nell’entroterra di Savona, all’interno di due capannoni dell’azienda Fg Riciclaggi di Cairo Montenotte, ditta che opera nel settore del riciclo rifiuti. Le fiamme si sono alzate intorno alle 22, partite con ogni probabilità da un deposito di rifiuti accanto ad un magazzino dello stabilimento, e non sono ancora state domate. Nonostante i Vigili del Fuoco siano al lavoro senza sosta da domenica sera, nei piazzali tra i capannoni nella mattinata di lunedì stavano ancora bruciando alcuni imballaggi e le fiamme erano ancora alte. Da chiarire la dinamica, anche se al momento gli inquirenti seguono la pista dolosa.

Secondo le prime informazioni, a bruciare sarebbero stati due capannoni adibiti allo stoccaggio di legno, di plastica e di pneumatici. Il timore tra gli abitanti è quello del disastro ambientale, a causa della densa colonna di fumo nero e del forte odore che si alza dai depositi. Sul posto stanno operando diverse squadre di vigili del fuoco e volontari della protezione civile. I miasmi sono stati avvertiti anche a Savona, ad alcune decine di chilometri di distanza.

In maniera precauzionale, in accordo tra tutti i sindaci della zona, le scuole di ogni ordine e grado lunedì resteranno chiuse. Lo riferisce il Comune di Cairo Montenotte spiegando che nel rogo non ci sono né feriti, né intossicati. Il Comune “in attesa di informazioni dettagliate da parte di Arpal“, immediatamente convocata per valutare il grado di inquinamento dell’aria, consiglia “di non avvicinarsi all’area coinvolta e di evitare esposizione ai fumi”.

“Attualmente – fanno intanto sapere da Arpal – è in corso la valutazione dei dati misurati dalle centraline fisse di monitoraggio della qualità dell’aria della zona. In giornata verranno svolte ulteriori attività in costante contatto con gli enti territoriali competenti”. Sul posto anche il sindaco, Paolo Lambertini. A spaventare è proprio la densa nube di fumo nero sprigionatasi dal rogo che ha messo in allarme gli abitanti della zona, i primi a chiamare i soccorsi. Le fiamme hanno danneggiato l’azienda in maniera ingente. L’impianto era già stato danneggiato da un rogo nell’ottobre 2015 avvenuto all’esterno di un capannone.

“Non abbiamo allo stato elementi per valutare le origini dell’incendio né per fare una stima precisa dei danni subiti”, ha fatto sapere la direzione aziendale della Fg Riciclaggi sottolineando come l’impianto antincendio abbia “funzionato alla perfezione” . “Il materiale bruciato è prevalentemente quello derivante dalla raccolta differenziata nei Comuni”, spiegano dalla direzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, attivisti rimuovono i dissuasori anti bivacco dalle panchine: “Essere poveri non è reato”. Ma il quartiere protesta

prev
Articolo Successivo

Adriano Celentano, nel giorno dell’ottantesimo compleanno la messa cambia registro. E i fedeli cantano Azzurro

next