Tanto rumore per nulla, o quasi. Il caso rifiuti – con la richiesta della città di Roma di portare in Emilia-Romagna una parte dei rifiuti indifferenziati in eccedenza dalla raccolta durante le festività natalizie – però non sembra chiuso. A feste ormai concluse dopo l’ok incassato dalla Regione guidata da Stefano Bonaccini (Pd), i carichi non sono partiti. Così, l’assessore all’Ambiente del Lazio, Mauro Buschini, punta il dito: “Ama e l’amministrazione capitolina esitano sull’invio dei quantitativi concordati su richiesta di Ama. Voglio sperare non ci sia un collegamento con le polemiche politiche. Sarebbe grave e la città di Roma ne sta pagando un prezzo altissimo ed inaccettabile”. Dal Campidoglio replica il presidente della commissione Ambiente Daniele Diaco (M5S): “Portare i rifiuti di Roma in Emilia Romagna costa molto di più, oltre 180 euro a tonnellata. Per questo, e non per ragioni politiche, ancora nessun camion è partito da Roma per gli impianti emiliano-romagnoli”. Inoltre, la Capitale durante le feste “ha retto bene”, rilancia.

Dall’Emilia Romagna, tra Natale e Capodanno, era arrivata la disponibilità a ricevere complessivamente circa 15mila tonnellate di rifiuti romani da distribuire su tre impianti diversi, a Parma, Modena e Granarolo in provincia di Bologna, per sei-sette settimane. La richiesta dell’Ama era stata veicolata dalla Regione Lazio, con Buschini che ieri sottolineava: “Il rispetto istituzionale esige chiarezza verso coloro che si sono esposti offrendo solidarietà”. Prima dell’Emilia, la Capitale – nell’elaborare il suo piano B (in caso di criticità o difficoltà con gli impianti già a disposizione) – aveva sondato le strade della Toscana e dell’Abruzzo, in cui il Movimento 5 Stelle continua a confidare.

“Fino ad oggi (ieri per chi legge, ndr) non c’è un documento ufficiale che fa venire meno l’opzione della Toscana, più conveniente per la collettività dal punto di vista economico e geografico – spiega Diaco – Toscana e Abruzzo sono le due destinazioni scelte fin dall’inizio in base ai principi di prossimità ed economicità che permetterebbero risparmi all’Ama, quindi, alla città di Roma. La temporanea attesa per una scelta definitiva è permessa anche da una situazione in netto miglioramento rispetto ai giorni delle festività natalizie, quando tradizionalmente aumentano i quantitativi di rifiuti. In tutto il periodo di festività l’azienda capitolina ha raccolto oltre 1.000 tonnellate di rifiuti in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, e Roma sul fronte dei rifiuti ha retto bene, nonostante le note fragilità del sistema ereditate dal passato. L’attivazione degli accordi sui rifiuti fra Regioni, anche nel caso di quantitativi esigui, come nel caso dell’Emilia Romagna, servono a monte per legge ed era doveroso attivarli come ‘valvola’ di cautela. Se sarà necessario utilizzarne uno o più di uno lo si farà nella massima trasparenza e in base al principio di maggior convenienza ed economicità”.

In una intervista a La Repubblica Bonaccini commenta: “Questa è una vicenda così surreale che, da amministratore con anni di esperienza alle spalle, mai mi era capitata. Ce lo hanno chiesto loro. Poche settimane fa l’azienda Ama ha inviato alla Regione Lazio la richiesta di sottoscrivere un accordo con la Regione Emilia-Romagna. Da prassi la Regione Lazio ci ha girato la comunicazione formale il 20 dicembre scorso“, spiega. “Fatte le verifiche con i Comuni dove ci sono i nostri impianti, che avevano dato disponibilità sempre nei limiti autorizzati, (Parma, Modena e Granarolo, nel bolognese), dissi al presidente Nicola Zingaretti che avremmo dato l’assenso con una delibera di giunta. Ma, lo abbiamo premesso subito, a certe condizioni”.