“Se l’azienda ogni anno cresce, il merito è soprattutto di chi ci lavora”. E così Antonio Piolanti, 52 anni, imprenditore, titolare della Lasersoft, che a Rimini da quasi 30 anni si occupa di software gestionali per alberghi, ristoranti e negozi, ha deciso di premiare i suoi dipendenti. Non con i soliti cestini con panettone e spumante, ma con una vacanza premio ai Caraibi.

Sarà forse per l’aria pre-natalizia, o gli indici economici continuamente al ribasso, ma la cartolina espresso in arrivo dalla Riviera assomiglia molto a una favola, quasi in contrapposizione con l’altra storia recente, quella del “modello Amazon”. E non è la prima volta: “Sarà che siamo in Romagna, la patria dell’accoglienza – dice Piolanti, che è uno dei due soci fondatori – ma per noi è tutto normale. Già nel 2008, in occasione dei vent’anni dell’azienda, avevamo organizzato una settimana di relax a Dubai”.

Nulla di eccezionale, secondo Piolanti. “Se l’azienda ogni anno cresce, il merito è soprattutto di chi ci lavora”, cioè una trentina di persone. “In un settore come il nostro – continua – investire sul capitale umano è fondamentale, qui sono ancora le persone a fare la differenza. Dalla programmazione all’assistenza dei clienti. Certo se la ditta fosse in crisi, e avessimo altri problemi, probabilmente lo sforzo sarebbe quello di preservare i posti di lavoro. Ma le cose vanno bene, siamo in salute e ogni anno assumiamo almeno due giovani in più. Quindi perché non riconoscere il merito di chi ha reso possibile tutto questo?”.

Come una squadra. “Forse il termine famiglia è eccessivo, ma abbiamo creato un gruppo solido, affiatato. C’è gente che è con noi da oltre vent’anni. Se stai bene sul lavoro, rendi molto di più. Ognuno è consapevole che il proprio compito determina anche il carico dell’altro, quindi c’è maggiore attenzione. Tra loro sono amici, alcuni si vedono anche fuori. Io stesso passo più tempo in azienda che a casa con la famiglia, quindi la qualità della vita, anche al lavoro, è fondamentale”.

La partenza è fissata per il 4 gennaio. In pullman da Rimini, tutti insieme, poi in volo da Malpensa. “Se ci sarò anche io? Ma certamente. Io e il mio socio, Marco Pesaresi, siamo parte della squadra. Il nostro è un lavoro stressante, un po’ di relax al mare è l’ideale”. Vietato parlare di lavoro? “Non lo so, ci proveremo. Ma chi è appassionato di informatica è un po’ nerd, lavoriamo per passione ancor prima che per i soldi. Siamo fortunati, ci divertiamo, così è tutto più facile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, aumentano gli occupati: in estate +79mila. Ma sono solo contratti a tempo determinato

next
Articolo Successivo

Sanità, medici in sciopero il 12 dicembre: “Rinviati 40mila interventi e centinaia di migliaia di visite”. Lorenzin: “Con loro”

next