Incidente sul lavoro in un’azienda chimica del torinese nel decennale del rogo della Thyssen. Due operai sono rimasti feriti alla Vaber, una ditta di prodotti chimici di strada San Mauro, a Torino, che produce elementi per carrozzerie, l’automotive, adesivi e componenti per la nautica e l’aerospaziale. Ancora da chiarire la dinamica dell’incidente; secondo le prime informazioni i due uomini di 61 e 76 anni, uno dei quali consulente della ditta, si sarebbero ustionati dopo essere stati investiti da una scarica di vapore ad alta pressione. Illeso un terzo operaio che lavorava con i due feriti alla manutenzione di un macchinario. Inizialmente si era parlato di una fiammata durante la lavorazione di un solvente. Trasportati in ospedale, i due feriti sono in codice rosso per le ustioni riportate. Sul posto vigili del fuoco e polizia. Le fiamme si sarebbero sviluppate dopo una esplosione. Nella fabbrica è intervenuto anche il nucleo Nbcr dei vigili del fuoco.

L’incidente è avvenuto nel giorno del decennale del rogo alla Thyssen che costò la vita a sette operai. “E’ un momento che ha segnato la storia della nostra città e del nostro Paese e purtroppo continua a essere molto attuale perché sul tema della sicurezza, sulle scuole, sugli edifici pubblici, sui luoghi di lavoro c’è ancora molto da fare”, ha detto il sindaco di Torino, Chiara Appendino, alla commemorazione al Cimitero monumentale di Torino. “E’ una delle tragedie più grosse del nostro Paese – ha aggiunto -, le istituzioni hanno il dovere di stare a fianco a chi ha vissuto questa tragedia, non credo che nessuno di noi possa capire cosa si provi a perdere un figlio, un marito, un amico, un compagno in una situazione di una persona che andava a lavorare”. La prima cittadina si è quindi recata all’ospedale Cto per accertarsi di persona delle condizioni del più grave dei due operai feriti nell’incidente di questa mattina.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Agcom diffida Amazon: “Svolge servizio postale, quindi rispetti obblighi previsti dalla legge”

prev
Articolo Successivo

Loris Grancini, arrestato il capo ultras della Juve: deve scontare quasi 14 anni. ‘Fu il mandante di un tentanto omicidio’

next