Ne avevamo parlato qualche tempo fa, quando erano state diffuse le prime immagini ufficiali della nuova Jeep Wrangler. Ora che c’è stata la presentazione ufficiale al salone di Los Angeles, con relative indicazioni tecniche, possiamo dire che anche l’icona dura e pura dell’offroad americano ha imboccato la via della sostenibilità ambientale per la prima volta nella sua storia. Accanto ai potenti V6 diesel e benzina, debutta infatti anche un sistema di propulsione ibrido accoppiato ad un motore 2.0 benzina, per una potenza complessiva di 270 cavalli. Si tratta di un ibrido soft, anzi mild come si dice in questi casi: c’è un piccolo propulsore elettrico che non è in grado di spingere da solo la vettura, ma aiuta quello endotermico quando serve (accelerazione, partenze, tragitti a bassa velocità) e alla bisogna, in discesa o frenata, consente di viaggiare con quest’ultimo spento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Andrè Villas Boas, dal calcio a un volante nella Dakar

prev
Articolo Successivo

Lexus LS Hybrid, l’ibrido di lusso è servito

next