La commissione Antimafia non ha abbastanza strumenti per vigilare sui candidati alle elezioni. A dirlo è direttamente la presidente Rosy Bindi, a poche ore dall’arresto del neoconsigliere regionale siciliano Cateno De Luca, appena eletto nella maggioranza di Nello Musumeci. La presidente di palazzo San Macuto, infatti, è intervenuta sul problema delle liste elettorali. “Abbiamo più volte lanciato l’allarme delle procedure e soprattutto dei tempi a disposizione delle commissioni che devono valutare l’eleggibilità e la candidabilità”. Un problema che si ripresenterà nelle prossime settimane quando si inizierà a discutere dei candidati alle politiche del 2018: “Siamo in tempo per adottare dei provvedimenti che consentano di dare alle commissioni elettorali maggiori strumenti. Abbiamo visto che le autocertificazioni non sono sufficienti. Ci sono alcune realtà che non sono certificabili con atti giudiziari. È fondamentale un’attenzione alla qualità del personale politico. Anche gli elettori devono stare molto attenti quando vanno a votare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Banche, se questa è una commissione d’inchiesta. Orfini: “Casino che non ci fa onore”. E Casini si sfoga

next
Articolo Successivo

Brugnaro: “Turisti si lamentano di conto da 526 euro al ristorante? Sono dei pezzenti, neanche la mancia”

next