Anche la First Daughter Ivanka Trump si è schierata contro le molestie sessuali: “Non devono mai essere tollerate”. Dal palco della World Assembly for Women a Tokyo, in Giappone, la figlia e consigliera del presidente degli Stati Uniti ha detto che “la mancanza di rispetto verso le donne si manifesta in molteplici forme, fino alle molestie, che non devono mai essere tollerate. Troppo spesso – ha accusato Ivanka – la nostra cultura del lavoro non è riuscita a trattare le donne con il dovuto rispetto”. Ivanka non ha mostrato alcun imbarazzo per le accuse analoghe mosse da molte donne al padre che le ha sempre respinte. “Le donne – ha concluso la figlia del presidente – non devono più essere divise tra quelle che lavorano fuori e quelle che lavorano in casa. Quando le donne raggiungeranno i loro pieni poteri molti dei problemi del mondo saranno risolti”.

Ivanka Trump si trova in visita in Giappone in anticipazione del viaggio di tre giorni del padre a Tokyo e il suo discorso arriva in un momento in cui è alta l’attenzione sul tema, dal caso del produttore americano Harvey Weinstein, accusato di molestie e aggressioni a sfondo sessuale – a cui sono seguite altre denunce e outing nel mondo del cinema e non solo – e dell’ex ministro della Difesa inglese, Michael Fallon, costretto a rassegnare le dimissioni.