Il presidente del Senato Pietro Grasso spiega ai cronisti il perché della sua uscita dal Partito democratico (leggi), immediatamente dopo l’approvazione della legge elettorale a Palazzo Madama che ha visto uscire Mdp dalla maggioranza, voti ai quali si è sostituito il sostegno dei verdiniani di ALA che hanno permesso al Rosatellum di uscire indenne dai cinque voti di fiducia. “Partito in cui non mi riconosco più nel merito e nel metodo”, ha esordito Grasso davanti ai microfoni

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Grasso sull’addio: “Una violenza la fiducia sul Rosatellum. Imbarazzante deriva del Pd, mina le istituzioni”

next
Articolo Successivo

Bankitalia, Boschi, Martina, Delrio e Lotti assenti in Cdm: i renziani boicottano Gentiloni nel giorno della nomina di Visco

next