Il presidente del Senato Pietro Grasso spiega ai cronisti il perché della sua uscita dal Partito democratico (leggi), immediatamente dopo l’approvazione della legge elettorale a Palazzo Madama che ha visto uscire Mdp dalla maggioranza, voti ai quali si è sostituito il sostegno dei verdiniani di ALA che hanno permesso al Rosatellum di uscire indenne dai cinque voti di fiducia. “Partito in cui non mi riconosco più nel merito e nel metodo”, ha esordito Grasso davanti ai microfoni

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, Grasso sull’addio: “Una violenza la fiducia sul Rosatellum. Imbarazzante deriva del Pd, mina le istituzioni”

prev
Articolo Successivo

Bankitalia, Boschi, Martina, Delrio e Lotti assenti in Cdm: i renziani boicottano Gentiloni nel giorno della nomina di Visco

next