L’analisi del Rosatellum fatta dal direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio durante la trasmissione Otto e Mezzo non è piaciuta all’ex sindaco di Torino Piero Fassino. Ospite di Un giorno da pecora, su Rai Radio 1, l’ex leader dei Ds ha commentato: “Travaglio viene dal Fuan, io vengo da tutt’altra storia, ognuno sta sulla sua barricata”.

Un modo singolare di rispondere all’idea del direttore del Fatto sulla possibilità che la legge elettorale favorisca il centrodestra. “Sta dicendo – hanno chiesto stupiti i conduttori – che facesse parte del Fuan?”. E Fassino ha confermato: “Sì, il Fronte universitario fascista, Travaglio viene da lì. Ha pienamente diritto di farlo, solo che siamo su fronti opposti, non c’è possibilità di confusione”.

Il direttore del Fatto risponde così all’ex ministro: “Ho appreso oggi da Piero Fassino, fonte notoriamente autorevole, che “Travaglio viene dal Fuan… dal fronte universitario fascista”. Non lo sapevo, ma nella vita si impara sempre qualcosa”. Per poi spiegare ironicamente: “Casomai il Travaglio di cui parlava Fassino fossi io, però, mi correrebbe l’obbligo di comunicare all’ex segretario, ex ministro, ex deputato ed ex sindaco che io non ho mai avuto tessere in vita mia, né tantomeno quella del Fuan, non essendo io mai stato né militante, né simpatizzante né elettore fascista o neofascista o postfascista o parafascista”.

Dopo la smentita, l’annuncio: “Comprendo l’imbarazzo di Fassino nel difendere la fiducia imposta dal suo partito sul Rosatellum alla maniera di Benito Mussolini nel 1923 sulla legge Acerbo, ma io non c’entro – conclude Travaglio – Siccome però a nessuno può essere consentito di dare del fascista a chi non lo è mai stato, do appuntamento a Piero Fassino in Tribunale con un’immediata querela per diffamazione”.