“Se guardate questa diretta, chiamate i soccorsi”. Di fronte alla telecamera dello smartphone c’è un 24enne agonizzante: si è appena schiantato con il motorino contro un albero di viale Veneto, a Riccione (Rimini), poco dopo le 4 di domenica 23 ottobre. La vittima è morta poco dopo. L’uomo che si è fermato, non ha prestato aiuto né chiamato il 118: ha ripreso tutto con il cellulare e l’ha mandato in diretta su Facebook.

L’autore del video e delle foto è un 29enne, esperto d’arte e candidato alle ultime elezioni comunali per la lista civica “Riccione viva” in sostegno del candidato di centrosinistra. Le immagini, ora rimosse dal social network dalla polizia postale, ritraggono la vittima a terra, immobile, e poi i soccorsi che cercano inutilmente di salvarla. “Chi mi segue chiami aiuto!”, dice il giovane rivolgendosi ai suoi follower virtuali, più di 11mila sulla sua pagina Facebook pubblica e un migliaio su quella personale. “C’è sangue, speriamo si salvi“, continua nel video.

Nelle ore successive alla pubblicazione il filmato è stato bersaglio di critiche e insulti. Contattato da Il Resto del Carlino, l’autore si è detto “sconvolto, sotto choc”. “Mi hanno detto che avevano già chiamato i soccorsi – ha spiegato il 29enne – Mi sono messo a filmare perché volevo fare qualcosa per quel giovane a terra e condividere il mio dolore. Non cercavo lo scoop. Ora ho capito di aver sbagliato e chiedo scusa a tutti, alla famiglia (della vittima, ndr) soprattutto – ha continuato il ragazzo – Ma è anche colpa di questa società che vuole tutto in diretta e senza più valori”.

Le critiche sul social network sono arrivate anche su una delle principali pagine Facebook di Riccione in cui il 29enne aveva postato video e foto dell’incidente. L’amministratore della pagina si è poi scusato per averle pubblicate senza controllare e ha eliminato l’autore dal gruppo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

La Spezia, architetto trovato morto a bordo del fiume: si indaga per omicidio

next
Articolo Successivo

Lodi, oste sparò al ladro durante un furto. Il pm: “Non fu omicidio volontario, ma eccesso di legittima difesa”

next