Nella vita di Elena Marsico, nata a Torino 60 anni fa, c’è una costante: la creatività. La creatività come modo di guardare alla vita e quindi di lavorare. “Io tutti i giorni disegno, ritaglio, assemblo pezzi, coloro”, racconta. Il risultato di questo incessante collage si chiama CartaPazza, progetto che ospita tutte le sue creazioni: “Tutto è iniziato con un libro sulla cartapesta – ricorda -, ma non avrei mai pensato che quella passione potesse trasformarsi in un lavoro”. L’arte, in tutte le sue forme, ha sempre accompagnato la sua vita: “A 12 anni mi hanno messo in mano una chitarra e io l’ho studiata in Conservatorio con impegno e disciplina – ricorda -, salvo accorgermi dopo qualche anno che quello non era il mio strumento”.

Finito il diploma decide così di intraprendere una nuova strada: “Ho scelto di usare le mie mani per fare altre cose – spiega – e anche se a scuola mi avevano sempre detto che non ero portata per il disegno e i colori, mi sono comunque avvicinata a questo mondo”. Con il passare del tempo il timore iniziale ha lasciato il posto a una maggiore fiducia nelle sue capacità: “Prima mi sono dedicata alla tessitura d’arazzi, poi sono passata alla pittura su tavola, fino a quando non ho scoperto la carta e le sue mille sfaccettature”, sottolinea. A quei tempi, però, l’arte era ancora un diversivo: “I primi anni ho lavorato come insegnante di musica in una scuola media e intanto mi preparavo per sostenere il concorso”, ricorda.

Mi sono imbattuta in una cooperativa per ragazzi con disabilità mentali e ho sentito subito che quello era il posto giusto per me

Ma dopo un incontro casuale, Elena capisce di poter trasformare la sua passione in un lavoro vero e proprio: “Un giorno, mentre passeggiavo a Torino, mi sono imbattuta in una cooperativa sociale che si prendeva cura di ragazzi con disabilità mentali e ho sentito subito che quello era il posto giusto per me”, ricorda. Nonostante le difficoltà, Elena è riuscita a trovare il suo equilibrio: “Tutta la sofferenza che ho visto ha cambiato la mia vita e mi ha reso una persona diversa, ma anche in questo caso la creatività è stata il salvagente che mi ha spinto a non mollare”, ammette. E oggi come ieri, l’obiettivo è quello di condividere il potere salvifico dell’arte con gli altri: “Nel laboratorio mettevo davanti ai ragazzi la carta e la colla, lasciandoli liberi di giocare e sperimentare – spiega -, è stata la cosa che mi ha gratificato di più in assoluto”. Ma tre anni fa le cose sono cambiate: “Non c’erano più le condizioni per proseguire con il mio lavoro, così ho deciso di mettermi in proprio”, spiega.

All’inizio non è stato facile: “Mi sono ritrovata disoccupata a 57 anni e senza nessuna qualifica specifica – ricorda -, ma poi mi sono rimboccata le maniche e le cose hanno cominciato a girare”. Elena ha trovato lo studio in cui oggi realizza le sue opere di carta e colla: vasi, sculture, pezzi di artigianato. “Oltre a questi lavori, organizzo corsi nel mio laboratorio e mi sposto spesso per partecipare ai mercatini – racconta -, non è semplice, perché ogni giorno devo inventarmi una cosa nuova”. Una strada tutta da costruire, che però le sta regalando tante soddisfazioni: “È un lavoro che mi mette a contatto con la gente e questo ripaga ogni fatica”, spiega.

Il lavoro che faccio oggi mi mette a contatto con la gente e questo ripaga ogni fatica

Il segreto è tenere duro: “Bisogna avere tenacia, perché gli sforzi vengono sempre premiati – sottolinea – e poi è necessario coltivare molte idee”. E a quanti nutrono ancora qualche dubbio sul potere della creatività, Elena lancia un messaggio ben chiaro: “L’atto creativo salva – conclude -, tutto quello che sembra uguale in realtà è sempre diverso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli italiani (soprattutto del Sud) continuano a emigrare. Un’idea per farli restare

next
Articolo Successivo

Bullismo, l’esperimento della catena di fast-food: solo 12% dei clienti pronto a difendere le vittime

next