Show del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel suo solito appuntamento settimanale su Lira Tv. Inevitabile la citazione ironica del M5S, stavolta a proposito delle Universiadi, i giochi olimpici universitari che si terranno in Campania nel 2019. Alla domanda del giornalista che adotta un neologismo per definire l’evento sportivo (cinque stelle e cinque cerchi), il politico risponde:”Non diciamo cinque stelle, ma solo cinque cerchi. Ormai le ‘cinque stelle’ sono diventate un elemento equivoco in questo Paese“. E declama a memoria uno stralcio de “Le ricordanze” di Giacomo Leopardi: “Vaghe stelle dell’Orsa, io non credea. Tornare ancor per uso a contemplarvi… grande, grande poesia. Poi quelle sono diventate stelle di latta“. Poi si pronuncia su Cesare Battisti, l’ex terrorista condannato in Italia per quattro omicidi e ora residente in Brasile dove vive da uomo libero grazie ad un decreto firmato nel 2010 dall’allora presidente Lula: “Con quel sorrisino da pirla è insopportabile. Deve essere riportato in italia, con il suo calice in mano, ma in galera. Battisti è tra i primi 5 posti per personaggi sgradevoli, irritanti. Dietro quella faccia e quel ghigno beffardo ci sono i morti. E questo signore che ride e brinda non ha avuto la decenza umana di vergognarsi. In una intervista ha detto che veniva fresco, fresco dalla rivoluzione a Cuba. Questo è un modo miserabile e infame di trovare giustificazione. C’era chi trovava più comodo” – continua – “sparare e fare il rivoluzionario da 4 soldi. Tutti quei rivoluzionari di allora li ritroviamo nelle vesti di miserabili, di piccoli personaggi squallidi“. Poi è il turno del leader catalano, Carles Puigdemont: “Questo è un altro rivoluzionario alla camomilla, alla gassosa, con quella zazzera sulla fronte. Fai una cosa chiara nella tua vita. La vicenda della Catalogna è diventata un grande cabaret, un circo equestre, una cosa ridicola. Questo è un altro piccolo soggetto che rischia di determinare un danno enorme alla sua regione, ai suoi concittadini. Un cialtrone“. De Luca commenta anche il Rosatellum bis: “Questo sistema garantirebbe maggioranza certa e la trasparenza su chi deve governare, nessun sistema elettorale è perfetto, ma sicuramente garantisce un livello minimo di governabilità e di semplificazione della vita democratica. Stiamo andando verso un periodo che ci regalerà trattative e riunioni interpartitiche, perché nessuno può governare da solo. Se avessimo avuto il sistema francese, in Italia avrebbero gridato al golpe e al Fascistellum. Per fare un altro sistema ci vogliono i voti che non c’erano. E dunque beccatevi il Rosatellum“. Nel finale, il presidente della Regione Campania si concede una invettiva furente contro i parcheggiatori abusivi a Salerno: “Sono indignato. Dietro la Questura c’è uno che, con comportamenti intimidatori, continua a fare il parcheggiatore abusivo. Pensate che sia impossibile per uno Stato serio eliminare un parcheggiatore abusivo che minaccia la gente a 50 metri dalla Questura? Per quello che mi riguarda, o se ne va il parcheggiatore abusivo o bisogna chiedere che se ne vada il prefetto“. E rincara, battendo i pugni sul tavolo: “Non è più tollerabile. Penso che le forze dell’ordine abbiano tutti gli strumenti per verificare che si tratti di un estorsore. Quindi, rinnovo il mio appello a che le forze dell’ordine diano un cenno di esistenza. Altrimenti, chiudiamo le città, consegniamole direttamente nelle mani dei delinquenti e andiamocene in ferie tutti quanti. E non mi si dica che questo è un nullatenente. Quando uno fa una estorsione, va in galera. Speriamo che qualche anima buona raccolga questo mio grido di dolore

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Alemanno e Storace in piazza. Danno i numeri: “750mila clandestini tra Renzi e Alfano: no invasione e ius soli”

next
Articolo Successivo

Elezioni Sicilia, Crocetta rivendica l’accordo con Renzi: “Mi tocca un seggio alla Camera e un posto in segreteria”

next