Non convince l’esordio di Celebration, il nuovo show del sabato sera in onda su Rai 1. Troppo simile ad altri programmi, conduzione poco brillante, stile troppo “puerile”: le critiche del giorno dopo non mancano, anche se il programma condotto da Serena Rossi e Neri Marcorè ha vinto la sfida social, in quanto trasmissione più twittata della serata.

La prima puntata di Celebration ha tenuto davanti al piccolo schermo 2 milioni e 373mila spettatori, pari all’11,7% di share. Trionfa di nuovo, invece, Tù sí que vales, di cui è andata in onda su Canale 5 la terza puntata e che ha raccolto davanti al video più del doppio degli italiani, 4 milioni e 757mila, cioè il 26,7% di share. Seguono la serie NCIS su Rai 2, Il Mio Amico Nanuk su Italia 1, l’intramontabile Ulisse – Il Piacere della Scoperta su Rai 3.

Il nuovo varietà di Rai 1, che sarà in onda per quattro settimane dal 14 ottobre al 4 novembre, vuole celebrare i re e le regine della musica pop, rock e soul dello scorso millennio, da Michael Jackson e Madonna, da Frank Sinatra a Whitney Houston. A cantare i grandi successi, nella prima puntata, sono saliti sul palco Fabrizio Moro, Noemi, Claudia Gerini, Francesco Gabbani, Michele Bravi e Alex Britti. La guida del programma è affidata alla inedita coppia Rossi-Marcorè, anche loro messi alla prova con il canto. Qualcuno accusa il programma di scarsa originalità e di assomigliare troppo a Tale e Quale Show, il fortunato programma condotto da Carlo Conti in onda sempre su Rai 1 il venerdì sera. Soprattutto quando la Gerini ha vestito i panni di Madonna per cantarne la cover. Insomma, concorrenza in casa propria. Che dai dati dell’esordio non sembrerebbe giovare al nuovo show di “mamma Rai”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, Signorini: “Daniele Bossari ha un segreto. Credo che ne parlerà nella Casa per liberarsi”

prev
Articolo Successivo

Domenica In, le sorelle Parodi non convincono: format confuso e insipido. Che si ferma al 12% di share

next