Clima surriscaldato nell’Aula della Camera in occasione della discussione della legge elettorale e al momento in cui la ministra per i Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro, ha posto la questione di fiducia. Decisione annunciata dopo una quarantina di minuti di dibattito su questioni procedurali sollevate da M5S, Mdp, Sinistra italiana e dal centrista Rocco Buttiglione e respinte dalla presidenza, prima per bocca del vicepresidente, Roberto Giachetti, e poi della presidente Laura Boldrini.

Quando Finocchiaro ha preso la parola la sua voce è stata completamente sommersa dalle proteste veementi dei deputati del Movimento 5 stelle, di Mdp e Sinistra italiana, scandite dal grido ‘vergogna, vergogna’. Ignazio La Russa, di Fratelli d’Italia, si è invece recato ai banchi del governo gridando alle spalle della ministra, prima che gli assistenti parlamentari lo allontanassero.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, dibattito in aula in attesa del voto di fiducia. Rivedi la diretta

next
Articolo Successivo

Legge Elettorale, Di Battista senza voce lancia la protesta: “Qui continuano a fare leggi di merda. Domani tutti a Roma”

next