Il premio Nobel per l’economia 2017 stato assegnato allo studioso statunitense Richard H. Thaler dell’università di Chicago “per il suo contributo all’economia comportamentale”. Cioè quella branca che, impiegando concetti tratti dalla psicologia, elabora modelli di comportamento alternativi rispetto a quelli formulati dalla teoria economica standard. Thaler, nato nel 1945 nel New Jersey, ha “incorporato nell’analisi del processo decisionale economico ipotesi realistiche dal punto di vista psicologico”, ha spiegato la Royal Academy svedese, che assegna il riconoscimento per l’economia finanziato però dalla banca centrale di Svezia. “Esplorando le conseguenze della razionalità limitata, delle preferenze sociali e della mancanza di autocontrollo, ha mostrato come questi tratti umani sistematicamente influenzano le decisioni individuali e gli esiti di mercato”.

“Complessivamente, i contributi di Richard Thaler hanno costruito un ponte tra le analisi economiche e psicologiche del processo decisionale del singolo”, si legge nella dichiarazione dove si annuncia il premio da 9 milioni di corone svedesi, pari 1,1 milioni di dollari. Thaler è l’inventore della cosiddetta “teoria del pungolo“. Nel libro “Nudge, la spinta gentile”, scritto insieme al giurista Cass Sunstein, esamina come governi e istituzioni possono indirizzare con adeguati stimoli persone e gruppi sociali a prendere le decisioni giuste e a migliorare la propria vita. Il punto di partenza è che “la gente fa spesso fa scelte scadenti” perché “come esseri umani siamo condizionati da una vasta gamma di comportamenti di  routine” che il più delle volte portano a “imbarazzanti errori” in molteplici aspetti della vita quotidiana, come “nell’educazione, nella finanza personale, nell’assistenza sanitaria, in mutui e carte di credito”.

Il Nobel per l’Economia, chiamato ufficialmente Sveriges Riksbank Prize Economic Sciences in memoria di Alfred Nobel, è stato istituito nel 1968. Non faceva parte del complesso dei premi istituito per volontà del tycoon della dinamite nel 1895.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Catalogna, Madrid vara decreto che facilita trasferimento delle aziende fuori dalla Generalitat. Anche Caixa se ne va

prev
Articolo Successivo

Economia illegale e sommersa, Istat: ‘Sale spesa delle famiglie in droga, prostitute, tabacchi di contrabbando: 19 miliardi’

next