Fabio Fazio cambia squadra ma non ruolo, Zoro invece si trasferisce in un altro campionato. E poi i bambini di Paolo Bonolis, lo zero e lode ad Alessandro Greco, X-Factor in cerca del fattore X e Antonio Banderas mandato in bianco dal suo Mulino. Centoquaranta caratteri e un voto sui programmi del settembre appena trascorso e che non ci trova (quasi) mai d’accordo.

1. X-Factor 2017  

Davide Venturi: Nessun feeling con i talenti canori del talent, ma continuo ad apprezzare il format televisivo. Giudici in grande forma, manca solo Elio – Voto 7

Riccardo Marra: Dici? Io dopo le prime tre audizioni vedo tutto troppo tenero e armonioso. Necessito di un po’ più di grinta. Dai concorrenti e dai giudici! – Voto 6

2. Zero e lode

DV: La casalinga di Treviso, il bracciante Lucano ed il pastore Abruzzese non hanno capito come funziona. Macchinoso e Noioso… Sogni d’oro! – Voto 4

RM: Lento, lentissimo, lentissimissmo. Il tuo 4 è generoso. Io tolgo un punto. E poi se Greco non furoreggia non è lui – Voto 3

Le TelePagelle di settembre – Da Zoro a Fabio Fazio, top e flop della nuova stagione

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bebe Vio: “Dopo l’amputazione ho pensato al suicidio. Ma mio padre mi ha insegnato che ‘la vita è una figata’”

prev
Articolo Successivo

Hell’s Kitchen, da ora l’eliminazione si decide a duello. Ma gli orfani di Cracco se ne fregheranno: bastano solo i suoi “Veloce!”

next