La procura di Torino ha chiesto di applicare una misura di custodia cautelare in carcere per Andrea Bonadonna, il leader di Askatasuna arrestato sabato sera dopo il corteo anti-G7 di Venaria Reale (Torino). L’udienza di convalida è stata celebrata oggi nel capoluogo piemontese, sede competente in quanto l’arresto è stato operato in regime di “flagranza differita”.

A procedere, nelle fasi successive, sarà la procura di Ivrea. I capi d’accusa per Bonadonna sono tre. Il primo, secondo quanto si apprende, è la “violenza a pubblico ufficiale” e riguarda una pluralità di episodi avvenuti a Venaria nel corso del corteo, contestati in concorso con altri partecipanti non identificati. Vi è poi la resistenza, che si riferisce al suo intervento in occasione del fermo di un manifestante, e le lesioni ai danni di due agenti di polizia. Bonadonna ha risposto alle domande del giudice, ma ha respinto la tesi degli inquirenti sui motivi per i quali si è staccato dal corteo e si è avvicinato ai poliziotti che stavano bloccando un manifestante: la sua intenzione non era di impedire l’arresto.

L’inventario dei tre giorni di contestazioni racconta di due arresti (oltre a Bonadonna è stato fermato un 23enne di Pesaro) e di almeno otto feriti tra le forze dell’ordine. Un agente di polizia ne avrà per più di 40 giorni. Il questore, Angelo Sanna, che l’altro ieri aveva pubblicamente elogiato i suoi uomini, ieri sottolineava che grazie l’elaborato dispositivo di sicurezza allestito a Torino e Venariaaveva “garantito i diritti di tutti: sia lo svolgimento regolare dell’evento, sia le manifestazioni di protesta”. Per questo, dice, “il bilancio è positivo”. Ha anche sottolineato che “i dimostranti cercavano lo scontro fisico, volevano una reazione violenta da parte nostra, ma alle loro ripetute provocazioni non abbiamo mai risposto. L’illegalità si combatte con il codice penale, non con i manganelli”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Messina, giudice in servizio in Calabria arrestato per pornografia minorile

prev
Articolo Successivo

Attentato Marsiglia, il passato italiano di Ahmed Hanachi ad Aprilia: sposato con un’italiana

next