“Vi mangerei per il solo gusto di vomitarvi”. Risponde così, con una citazione del filosofo Emil Cioran, Beppe Grillo alle domande sulla situazione siciliana, dove il tribunale di Palermo ha congelato l’esito delle consultazioni on-line che hanno premiato Giancarlo Cancelleri. “Siete i principi del pettegolezzo” afferma Grillo uscendo dall’Hotel Forum a Roma. Il fondatore del Movimento 5 stelle non gradisce neppure le domande sui candidati che competono assieme a Luigi Di Maio alle primarie per la leadership.  Il capo politico del M5s preferisce parlare di Roma (stamane ha ricevuto l’assessore alla sostenibilità ambientale Pinuccia Montanari in un colloquio durata circa due ore): “Seguite il lavoro dei nostri assessori in questa città, dove ogni giorno c’è qualche dirigente che lavora per i partiti e non per il bene comune e fa delle trappole”.  Parole, quelle di Grillo, commentate severamente da Raffaele Lorusso, segretario della Fnsi.  “Parafrasando il suo delirio, Beppe Grillo provoca nausea anche a digiuno – ha dichiarato all’Ansa – Non fa più ridere nessuno e quindi non può che ricorrere al linguaggio dell’odio e dell’insulto che riversa soprattutto nei confronti di stampa e informazione che in un paese libero rappresentano un ostacolo per chi sogna di trasformare i cittadini in sudditi e la democrazia in una ‘cretinocrazia’”.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alla protesta della polizia penitenziaria arriva anche Salvini. Ma Cgil e Cisl lo criticano: “Mani libere? Non è la soluzione”

prev
Articolo Successivo

Di Maio a Napoli per San Gennaro. Bacia il miracolo: “Qui perché sono un fedele”. E alla giornalista scappa la battuta

next