A Pontida torna il raduno del pratone per i militanti di, ormai, tutta Italia. Il primo senza il presidente della Lega Nord, colui che per anni è stato chiamato “il capo” e che ora ha ceduto il ruolo a Matteo Salvini. Non sembra però che l’assenza di Umberto Bossi sia motivo di dispiacere tra i numerosi leghisti in attesa dei comizi. Per molti rappresenta il passato, di fronte alla prospettiva di crescita. Solo qualcuno si presenta ricordando l’articolo 1 dello statuto del partito, che parla di secessione.

Sul tema è intervenuto anche Roberto Maroni: “Questo mi spiace, perché Pontida è Bossi. La decisione è stata presa dal segretario Matteo Salvini, ma per me Bossi a Pontida ha sempre diritto di parola”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consip, Gentiloni: “Inaccettabili comportamenti che screditano istituzioni. Colpo a Renzi? Da me no questi giudizi”

next
Articolo Successivo

Pontida 2017, l’intervento del segretario della Lega Nord Matteo Salvini

next