Arrivano a gruppi per aiutare a spalare il fango che invade le case di conoscenti e di perfetti sconosciuti: sono i volontari. A Livorno in queste ore sono sempre di più le persone che hanno scelto di mettersi a disposizione nelle diverse aree cittadine che hanno subito allagamenti e smottamenti a causa del nubifragio che si è abbattuto sulla città toscana la notte di sabato 9 settembre. “C’è tutta la città che gira tra le case e questa è una cosa bella – dice Michele e aggiunge – la giornata di ieri è stata terrificante per tutti, c’è un bel po’ di dolore”. Simone ha organizzato dei gruppi di volontari su Whatsapp: “Sono gruppi da venti, trenta persone”. Alessandro si è informato su quali fossero le zone più colpite ed è andato: “Mi sembrava la cosa più naturale da fare”. 

Il circolo Arci “Le mi bimbe” del rione Ardenza offre accoglienza e pasti ai volontari: “Quando il nostro presidente di Arci ci ha chiesto di partecipare come circoli, ci sembrava il minimo contribuire visto che gli spazi e le opportunità ci sono” spiega la presidente del circolo dell’Ardenza Annamaria Bottici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Maltempo Livorno, le vittime sono 9: ritrovato l’ultimo disperso. Vescovo: “Rabbia per il mancato preavviso”

prev
Articolo Successivo

Bergamo, maxi parcheggio in Città Alta? Pessimo biglietto da visita per Gori – La risposta del sindaco

next