“Stiamo cercando di aiutare le persone che hanno avuto problemi causati dall’alluvione – racconta un giovane richiedente asilo nigeriano – da due giorni stiamo lavorando da mattina sera, siamo qui per cercare di aiutarli”. A Livorno a distanza di due giorni dal violento nubifragio che ha colpito la città c’è ancora tanto da fare e diversi richiedenti asilo, gli stessi che qualcuno vorrebbe aiutare a “casa loro”, oggi stanno aiutando a “casa nostra”. Nei garage, nei cortili, nelle abitazioni invase dal fango, a spalare insieme ai residenti e agli altri volontari. 

“La cosa che mi hanno detto in primis è che se succede una cosa del genere a casa loro ci si aiuta e quindi vengono ad aiutare anche loro” spiega Marco Figliè, operatore del centro di accoglienza per richiedenti asilo “Ex Hotel Atleti” di Livorno. “Per noi è un piacere venire ad aiutare” conferma un giovane richiedente asilo ivoriano, a Livorno da due mesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stupro Firenze: i fanatici della ruspa, le ‘ragazze facili’ e le fake news

prev
Articolo Successivo

Livorno, la lunga fila di volontari di ogni età e provenienza al lavoro per liberare la città dal fango

next