L’Isis ha rivendicato l’attacco di venerdì sera a Bruxelles, dove un uomo armato di coltello ha aggredito due militari che poi lo hanno ucciso. “L’esecutore del pugnalamento è un soldato dello Stato islamico“, ha detto Amaq, l’agenzia di Daesh. L’uomo, un cittadino belga di origine somala di trent’anni, è morto in ospedale poche ore dopo l’aggressione, avvenuta intorno alle 20.25 in Boulvard Emile-Jacqmain nella capitale.

Già la stessa procura di Bruxelles aveva confermato che si trattava di un attacco terroristico. Secondo il sito d’informazioni Rtbf, il 30enne somalo aveva gridato “Allahu Akhbar” prima dell’aggressione. Le autorità comunque ritengono si sia trattato di un “attacco isolato”. L’aggressore era conosciuto dalla polizia per aver commesso qualche atto di vandalismo ma non per essere coinvolto o vicino ad ambienti del terrorismo, dell’estremismo o del radicalismo islamico.

I militari lo hanno colpito e ucciso con due colpi di arma da fuoco. L’uomo era anche in possesso di una pistola finta e di due copie del Corano. L’aggressore era arrivato in Belgio nel 2004. Nel 2015 aveva ottenuto la nazionalità belga. Lo scorso febbraio era stato coinvolto in una rissa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Londra, l’antica moschea è diventata un centro all’avanguardia. Palestra inclusa

prev
Articolo Successivo

Venezuela, vince la corruzione

next