“Sì. Non ho mai smesso di pensarci. Mi sembra una prospettiva abbastanza concreta”. Così il sindaco di Bergamo Giorgio Gori risponde a chi gli chiede se continui a pensare alla sua candidatura a governatore della Lombardia per il centrosinistra. Le elezioni regionali sono in programma nel 2018. “Poi – dice Gori al Meeting di Comunione e liberazione – spetterà alla coalizione decidere ma io ho dato la mia disponibilità”. Già a fine giugno, dopo il disastro delle elezioni amministrative, Gori aveva rilanciato il proprio impegno. “Il centrodestra governa la Regione ed è al potere da venticinque anni – aveva detto tra l’altro a Repubblica – Se è vero che questo voto ci dice che la gente vuole cambiare, il cambiamento siamo noi, non Maroni. Per me, ci sono tutte le condizioni per batterlo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, sgomberato palazzo con 500 migranti: si accampano in strada in attesa di soluzioni. Unhcr: “Preoccupati”

prev
Articolo Successivo

Le orazioni funebri di Matteo Salvini

next