Un gruppo armato composto da “centinaia di civili, poliziotti e membri dell’esercito” e guidato da un “ex boss della mafia” sta bloccando le partenze dei migranti che dalle spiagge di Sabratha, in Libia, cercano di raggiungere l’Italia. Tutto con il sostegno del governo di Tripoli. Lo si legge nelle rivelazioni di alcuni testimoni raccolte da Reuters. Il gruppo armato, denominato Brigata 48 e probabilmente formato da contractor, gestirebbe anche un centro di detenzione per migranti nella stessa area a ovest della capitale, la più interessata dalle partenze verso le coste italiane. Il gruppo diventerebbe così una delle cause dietro al netto calo di arrivi registrato nei mesi di luglio e agosto, generalmente periodo di punta per gli sbarchi grazie alle buone condizioni del mare, insieme all’intensificarsi dell’attività da parte della Guardia Costiera libica.

Le fonti sentite dall’agenzia di stampa britannica presenti a Sabratha parlano di un gruppo armato che “opera sul territorio, sulle spiagge, per impedire le partenze delle imbarcazioni cariche di persone dirette verso le coste italiane”. “Centinaia di persone”, continua il racconto di un testimone anonimo, stanno portando avanti una “decisa campagna” lanciata da questo ex membro di una non meglio specificata “mafia” che oggi è alla guida del gruppo armato. Per farlo, lo squadrone avrebbe preso possesso anche di un centro di detenzione precedentemente in mano ai trafficanti di esseri umani dove, oggi, rinchiudono i migranti che riescono a bloccare prima della partenza. Racconto che, spiega Reuters, troverebbe conferma in una foto in loro possesso nella quale si vede un gruppo composto da centinaia di persone sedute sulla sabbia di fronte a un alto muro, presumibilmente parte della struttura. Versione suffragata anche dalle testimonianze raccolte dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim) di diversi migranti sbarcati in Italia che hanno fatto tappa a Sabratha: “Ci hanno detto che è diventato molto difficile partire da lì – racconta Flavio Di Giacomo, portavoce Oim Italia – Ci sono persone che fermano le barche prima che riescano a partire. Se invece raggiungono il mare, vengono immediatamente rimandate indietro”.

Ci sarebbe anche l’azione di questo squadrone di mercenari, quindi, dietro al crollo degli arrivi a luglio e agosto. Durante il settimo mese dell’anno sono sbarcati sulle coste italiane 11.193 persone, contro le 23.552 durante lo stesso periodo del 2016. Un calo superiore al 50% che sembra aumentare ulteriormente se si guardano le previsioni del mese di agosto. Questi numeri hanno portato apprezzamento da diverse parti politiche riguardo all’operato del ministro dell’Interno, Marco Minniti, che circa una settimana fa ha dichiarato “adesso vedo la luce in fondo al tunnel”. Il risultato, secondo il governo, è la conseguenza dell’accordo di collaborazione raggiunto con il governo di Tripoli di Fayez al-Sarraj, riconosciuto e appoggiato dalle Nazioni Unite, per il quale il governo italiano si è impegnato a fornire assistenza, addestramento e nuovi mezzi per la Guardia Costiera libica che, oggi, pattuglia le acque di fronte alle coste occidentali del Paese. Ma sarebbe proprio il governo di Tripoli, partner italiano nel contrasto all’immigrazione sulla rotta del Mediterraneo, a finanziare e supportare, dicono le fonti, il gruppo armato. Governo che, di fronte alla richiesta di spiegazioni da parte dei giornalisti britannici, non ha voluto rilasciare dichiarazioni.

Twitter: @GianniRosini

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Afghanistan, Donald Trump inverte la marcia: “Più uomini e resteremo fino alla vittoria”

prev
Articolo Successivo

Siria, Onu: “Due spedizioni dalla Corea del Nord all’agenzia siriana di armi chimiche”

next