È morto Waldir Peres, ex portiere della Nazionale brasiliana e del San Paolo. In Italia era famoso soprattutto per quella tripletta subita da Paolo Rossi al Mondiale 1982, nel match che cambiò la percezione (e la storia) dell’attaccante e degli Azzurri, poi capaci di laurearsi campioni del mondo.

Pablito segnò 3 gol in novanta minuti, interrompendo la corsa verdeoro di una Seleção che poteva contare su nomi come Falcao, Zico e Socrates. L’incontro, giocato il 5 luglio allo stadio Sarrià di Barcellona, è considerato uno dei più belli nella storia del calcio.

Peres aveva 66 anni e, come raccontato dalla famiglia, è stato colpito da un infarto mentre stava partecipando ad una festa di compleanno a Mogi Mirim. Nella sua carriera ha vestito per 39 volte la maglia del Brasile ed è il secondo recordman di presenze con la maglia del San Paolo. Ed è anche il secondo giocatore di quella Nazionale pianto dal Brasile dopo Socates, morto sei anni fa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diritti tv, Tribunale del Riesame nega gli arresti degli ex manager di Infront: “No fu associazione a delinquere”

prev
Articolo Successivo

Antonio Cassano, l’ultima puntata delle ‘Cassanate’: “Lascia il Verona e si ritira”. Lui smorza, poi ci ripensa: “Smetto”

next