Così sfuggente da essere chiamata “galassia nascosta“. Ma il telescopio spaziale Hubble è riuscito a catturare le immagini di una delle galassie più misteriose e inafferabili. La difficoltà nel riuscire ad osservarla, nonostante sia spettacolare e molto brillante, sta nel fatto che si trova troppo vicino all’equatore del disco galattico della Via Lattea, una regione molto ricca di gas e polveri. La sfida è stata affrontata con successo dal telescopio Hubble, nato da una collaborazione tra Nasa ed Esa (Agenzia Spaziale Europea), che è riuscito a fotografare il cuore di questa galassia, il cui vero nome è IC 342.

A circa 10 milioni di anni luce nella costellazione della Giraffa, IC 342 è una galassia a spirale molto attiva che sarebbe tra le più luminose del cielo, se non fosse per la sua posizione: per poterla osservare gli astronomi devono passare attraverso i gas cosmici, le stelle e la polvere della Via Lattea, che in corrispondenza dell’equatore oscurano quasi tutto quello che si trova al di là.

Hubble è riuscito ad ottenere immagini spettacolari della zona più centrale della galassia, che mostrano uno splendido miscuglio di regioni molto calde di formazione stellare, colorate in blu, regioni più fredde formate dal gas, in rosso, e zone oscure di polvere opaca, tutte intorno ad un luminosissimo nucleo centrale. Nel 2003 i ricercatori avevano già confermato che si tratta di un tipo di nucleo ricco di idrogeno, nel quale si originano molte nuove stelle.

Image credit: ESA/Hubble & NASA

Text credit: European Space Agency

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scoperta dal Cern la particella Xi: “È come un sistema planetario in miniatura”

next
Articolo Successivo

Caffè, elisir di lunga vita: tre tazzine al giorno diminuiscono il rischio di morte

next