Botta e risposta vivace a Otto e Mezzo (La7) tra il filosofo Massimo Cacciari e il portavoce del Pd, Matteo Richetti. Il deputato dem parla di occupazione in ripresa e della necessità di completare il percorso di cambiamento, iniziato con Renzi, attraverso le riforme. Ma Cacciari insorge: “Richetti, credetemi, non continuate con questa storia che il Paese va meglio, perché è stato un trend positivo per tutti i Paesi europei. E il nostro è il peggiore. La gente le sa queste cose, è inutile che continuate a dire che il Paese va un po’ meglio perché avete fatto le riforme, sono palle e lo sai perfettamente. E’ una ripresa un po’ positiva, meno che in altri Paesi, grazie a una congiuntura generale e San Draghi“. Richetti menziona gli 80 euro e il filosofo ribatte: “Se continuate a ragionare così, consegnerete il Paese alla destra e non certo a Grillo. Magari venisse consegnato a lui

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Richetti: “Renzi? Non è perdente e non farà passo indietro”. Cacciari: “Vada per la sua strada”

next
Articolo Successivo

Chiusura La Gabbia, Di Maio (M5s): “Vogliono annientare chi prova a dimostrare dissenso”. Paragone: “Ha vinto il ciaone”

next