Chi non ha la televisione si segni sul calendario la data del 30 giugno: è il termine ultimo per presentare la dichiarazione di “non detenzione di apparecchi televisivi” all’Agenzia delle Entrate e chiedere quindi di essere esonerati dal canone Rai, che dallo scorso anno è di 90 euro e viene addebitato in bolletta. In questo modo i titolari di un’utenza di energia elettrica che non hanno mai avuto o non hanno più una tv in casa possono legittimamente non pagare. Non è più necessario chiedere, come in passato, il “suggellamento“, con cui un utente si impegnava a non accendere più la televisione.

La dichiarazione può avere validità annuale o semestrale, a seconda di quando viene presentata: chi l’ha inviata attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate entro il 31 gennaio è esonerato dal pagamento per tutto il 2017, chi invece si muove solo ora potrà non versare nulla per il secondo semestre, da luglio a dicembre. La dichiarazione sostitutiva (Quadro A) va comunque presentata ogni anno se si continua a non possedere un televisore in casa.

Si può compilare la dichiarazione in un apposito modulo scaricabile in formato pdf dal sito delle Entrate. Nel modulo, il Quadro A si riferisce a chi non possiede un televisore, il Quadro B alla dichiarazione di presenza di un’altra utenza elettrica e il Quadro C va compilato nei casi in cui si entra in possesso di un televisore dopo aver compilato e inviato una dichiarazione di non detenzione. Se non si può completare l’operazione direttamente dal sito web si può sempre spedire la domanda in plico raccomandato senza busta alla sede della Agenzia delle Entrate.

La Rai, in un comunicato, invita infine tutti gli utenti a diffidare da siti contraffatti che chiedono pagamenti con carta di credito: l’unico abilitato è quello dell’Agenzia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vittime del Salva Banche, ecco il decreto sull’arbitrato che non sana tutte le ferite dei risparmiatori

prev
Articolo Successivo

Bollette, passare alla tariffa di maggior tutela costa fino a 65 euro. Ecco come calcolare se conviene davvero

next