Assente per impegni istituzionali. Il sindaco di Milano Giuseppe Sala non si è presentato nell’aula del consiglio comunale per riferire sulle nuove accuse di turbativa d’asta che la procura generale gli contesta riguardo al maxi appalto per la realizzazione della piastra di Expo. “Ci interessa capire se quei fatti contestati si sono svolti così. Il sindaco dovrebbe venire a spiegarcelo”, dice Gianluca Corrado del M5S. L’ex presidente del consiglio comunale Basilio Rizzo non accetta l’ipotesi che alcune regole possano essere state aggirate per riuscire a portare a termine la preparazione dell’Expo: “Non ho mai visto degli atti positivi realizzati con metodi sbagliati – dice -. Anche negli anni ’80 quando i socialisti rubavano mi si diceva ‘però abbiamo costruito la metropolitana’. E adesso mi si dice ‘sì, abbiamo fatto l’Expo ma abbiamo violato delle regole’”. il capogruppo di Forza Italia Gianluca Comazzi prende invece atto di come i consiglieri del Pd si siano trasformati “da giustizialisti a garantisti”, visto che ai tempi di Letizia Moratti “urlavano, si rotolavano per terra, gridavano allo scandalo”, per la vicenda dell’abuso edilizio del figlio in un loft di sua proprietà, passato alla cronaca come “la casa di batman”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ballottaggi, D’Alema: “Chiara vittoria del centrodestra”. D’Attorre: “Sconfitta di Renzi trascina con sé centrosinistra”

next
Articolo Successivo

Genova, D’Alema attacca: “Renzi? Mah, se questo è un leader… Ormai rottura tra sinistra e Pd si è consumata”

next