Un 25enne russo, Nikita Gromokov, originario di Mosca, ma che ha anche passaporto italiano, è stato fermato da Carabinieri nell’ambito delle indagini della morte di Angelo Leonardi, di 61 anni, stroncato da un infarto due ore dopo essere stato pestato vicino alla stazione ferroviaria di Acireale, in provincia di Catania. Il provvedimento restrittivo è stato emesso dalla Procura di Catania e ipotizza il reato di omicidio preterintenzionale aggravato. Secondo le indagini dei carabinieri della compagnia di Acireale, basate sulla visione di immagini di sistemi di videosorveglianza della zona e su ricostruzioni di testimoni, Gromokov avrebbe incontrato fortuitamente la vittima vicino la stazione ferroviaria di Acireale e lo ha accusato di avere sottratto il portafoglio della sua compagna. Ne è scaturita una lite durante la quale il 25enne ha colpito con calci e pugni, a più riprese, il 61enne. Subito dopo il russo, la sua fidanzata e un’amica sono saliti su un treno diretto a Messina, da dove hanno poi raggiunto Milazzo, dove i tre sono residenti. Dopo la notifica del fermo della Procura, i carabinieri di Acireale hanno portato il 25enne nel carcere di Catania.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Metropolitane, a Roma (e Milano) progetti sbagliati rovinano ruote e binari. E i costi di manutenzione lievitano

next
Articolo Successivo

Torino, carabinieri accerchiati da 50 ragazzi e spintonati: avevano fermato venditori abusivi di alcolici

next