E’ scontro aperto a L’Aria che Tira (La7) tra il senatore del M5S, Nicola Morra, e la deputata del Pd, Alessia Rotta, sull’esito delle ultime elezioni amministrative. Morra premette: “Noi non abbiamo necessità di una classe dirigente separata dai cittadini, ma di un pieno coinvolgimento di chi nelle istituzioni lavora per tutti noi. E questo lo si può fare ragionando sui vitalizi e abbattendo tutti i privilegi della politica, in modo che noi politici ci sentiamo esattamente uguali a tutti gli altri cittadini”. Morra sottolinea il dato grave dell’astensionismo e rifila una stoccata al Pd: “La salute di una democrazia sia tale quando c’è effettivamente partecipazione. Se invece alcuni sono contenti di vincere solo perché hanno preso un voto in più dell’altro, magari facendo alleanze con gli pare o camuffandosi con simboli farlocchi in 15 liste civiche, beh, facciano loro. Noi invece siamo orgogliosi della nostra identità“. Rotta insorge e interrompe reiteratamente il parlamentare pentastellato, che continua menzionando le città in cui il M5S è arrivato al ballottaggio. “Tanto chi vi ha provato non vi risceglie“, replica la deputata dem. Si scatena la bagarre: Morra menziona il problema delle consulenze non trasparenti e Rotta cita la sindaca di Roma, Virginia Raggi per le indagini a suo carico sulle sue consulenze passate (inchiesta poi archiviata). Il senatore M5S ribatte: “Le nostre giunte costano ai cittadini molto meno di quelle che siamo andati a sostituire. Chieda un po’ ai suoi amministratori”. Lo scontro riesplode quando Rotta rinfaccia a Morra : “Parlate di trasparenza, ma bella immagine avete dato con quel palco che avete allestito con l’accordo sulla legge elettorale, facendo spendere soldi, come dite voi, ai cittadini, perché le Commissioni hanno lavorato notte e giorno ed evidentemente il vostro era un bluff. Come raccontiamo questo ai cittadini? Una volta decide il blog, una volta decide Beppe, una volta decide Di Maio, ma in fondo prendete in giro. Avete fatto lavorare inutilmente le istituzioni con un grande inganno, giocando sulla fiducia dei cittadini. Morra, porta pazienza e decenza, che non hai“. Il senatore M5S non ci sta e cita un retroscena, secondo cui ci sarebbe stata una telefonata tra Renzi e Berlusconi e l’ammissione del segretario Pd sulla opportunità di uscire dal tavolo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Comunali, Mentana sbertuccia Leoluca Orlando: “Non in onda perché abbiamo detto che è del Pd? Offesa terribile”

next
Articolo Successivo

Amministrative 2017, Scanzi: “Salvini? Pur di vincere, si vestirebbe da muflone e canticchierebbe i Ricchi e Poveri”

next