Encefalite. È un’infiammazione dell’encefalo che ha ucciso il piccolo Francesco, il bambino di 7 anni arrivato in coma e poi morto il 27 maggio nell’Ospedale Salesi di Ancona, dopo essere stato curato a casa per un’otite bilaterale solo con preparati omeopatici. Il primo responso dell’autopsia, eseguita dal medico legale Mauro Pesaresi, dovrà essere comunque completato con l’esito degli esami istologici e il dettaglio dei preparati omeopatici somministrati al bimbo per stabilire le cause dell’infezione.

Al momento nel registro degli indagati sono finiti il medico omeopata e i genitori del bambino. Nella notte tra il 27 e il 28 maggio è stata perquisita la casa del dottor Massimiliano Mecozzi: i carabinieri hanno sequestrato farmaci, telefoni, computer e ricettari. Gli è stata notificata l’informazione di garanzia per omicidio colposo. Indagati anche i genitori del piccolo, due commercianti: i militari hanno hanno prelevato nella loro casa farmaci e telefoni. Gli organi del piccolo sono stati donati. All’esame autoptico hanno partecipato i periti di parte dei tre indagati.

L’indagine è condotta dalla Procura di Urbino, dato che l’assunzione dei farmaci omeopatici è avvenuta a casa del bambino, a Cagli. Uno dei nonni di Francesco aveva annunciato l’intenzione di denunciare il medico, con un numerosa clientela interessata ai suoi metodi di cura a base di preparati omeopatici e due studi, uno a Pesaro e uno a Fano. Mecozzi seguiva il bambino da vari anni e lo aveva trattato in passato per altre otiti, sempre con farmaci omeopatici. Gli stessi che ha prescritto al piccolo da una quindicina di giorni a questa parte, finché le condizioni di Francesco sono peggiorate a tal punto che è stato necessario il ricovero all’ospedale di Urbino, dove sono stati riscontrati danni cerebrali, e un trasferimento d’urgenza all’ospedale Salesi di Ancona. Qui è stato tentato invano un intervento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incendio camper a Roma, due indagati: confermata ipotesi della vendetta tra rom

next
Articolo Successivo

Blue Whale, ragazzo di 19 anni indagato nel Biellese per istigazione al suicidio

next