Cari amici,
i corsi del Fatto Quotidiano continuano e, già da questo sabato, avrete la possibilità di immergervi in alcuni degli aspetti meno raccontati del giornalismo.

Sabato 27 maggio, a Roma, si parlerà di uno dei generi più sfuggenti e difficili, sempre in bilico tra rivelazioni e millanterie: l’arte del retroscena. Ci sarà una giornata di Workshop, di teoria e pratica, affidata ai due grandi esperti del Fatto Quotidiano.

Al mattino i corsisti incontreranno Fabrizio d’Esposito, uno dei docenti più apprezzati delle precedenti edizioni dei corsi, che spiegherà “come si scrive un retroscena – raccontare il potere attraverso le fonti confidenziali”. Fabrizio ha ormai una lunga esperienza e si è formato nell’epoca d’oro del retroscena, quella del berlusconismo di cui racconterà i segreti. Con lui i partecipanti al corso avranno l’occasione di imparare a distinguere le notizie dalle veline, le informazioni riservate dalle polpette avvelenate, capiranno come e quando bisogna citare le fonti e come si può essere corretti anche utilizzando fonti anonime.

Ci sono una serie di trucchi che il retroscenista di solito non ama condividere, ma Fabrizio farà un’eccezione: a volte le grandi notizie si possono trovare in un cestino della carta straccia o origliando una conversazione che doveva essere privata. Uno dei pezzi di Fabrizio più memorabili, di recente, è il racconto della riunione in cui Vincenzo De Luca arringava gli amministratori locali in Campania invitandoli a promettere anche fritture di pesce in cambio di un voto al referendum costituzionale.

Al pomeriggio toccherà a Carlo Tecce, autore di alcuni dei grandi scoop di questi anni, che si muove tra i corridoi della Rai, quelli di palazzo Chigi e le ovattate stanze del potere finanziario che metterà alla prova i corsisti con esercitazioni sull’uso delle fonti, per capire come e quando riportare una frase tra virgolette, come orientarsi tra le fonti aperte (quelle che spesso contengono notizie nascoste) e come costruirsi un archivio utile, che spesso è l’arma decisiva di un retroscenista.

Si chiude con l’esercitazione: scrivere un articolo di una seduta in aula e un retroscena dello stesso evento.

A Milano i due reporter che curano la web tv de ilfattoquotidiano.it, Franz Baraggino e Alessandro Madron, vi spiegheranno come trasformare una buona idea in un video efficace. In un mondo di giornalisti freelance, il settore dei video è quello che offre più opportunità, ma bisogna essere in grado di offrire un prodotto finito di qualità professionale. E ci sono alcune regole da rispettare. Franz e Alessandro vi spiegheranno tutto, dal montaggio, alla scelta del titolo, a come si propone un video a una testata.

E poi segnatevi anche gli appuntamenti del 10 giugno, perché non restano molti posti disponibili: a Roma ci sarà l’attesissimo corso di Selvaggia Lucarelli sugli scoop social, come trovare notizie su Facebook; sempre a Roma Silvia Truzzi parlerà dell’altro lato del potere, quello più pop, dalle case editrici ai salotti della cultura, con un’ospite d’eccezione, Gian Arturo Ferrari, il vice presidente della Mondadori Libri. A Milano Erminia Guastella introdurrà all’arte più cruciale nell’era del giornalismo web: il Seo, cioè come farsi trovare on line.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai: bene gli ascolti, male la gestione. E i soldi sono sempre meno

next
Articolo Successivo

Se Bruno Vespa è un artista, Porta a Porta è solo cabaret?

next