Ancora una volta è Tesla ad anticipare i tempi: ora che l’azienda americana è alle prese con la costruzione della sua Gigafactory in Nevada, anche in Europa si comincia a parlare di mega-fabbriche destinate alla produzione di massa di batterie agli ioni di litio per veicoli ibridi ed elettrici.

I primi a muoversi sono i tedeschi: la Cancelliera Merkel (che pochi giorni fa ha rivisto al ribasso le sue stime sull’elettrificazione del parco auto tedesco) ha messo infatti la prima pietra di un impianto da 500 milioni di euro dedicato alla realizzazione di accumulatori per Daimler, il gruppo tedesco proprietario di marchi come Mercedes, Smart e Maybach.

Il polo industriale sarà situato a 130 km a sud di Berlino e, auspica il governo federale, darà una spinta decisiva alla produzione delle EV, costringendo gli altri costruttori del vecchio continente a “tenere il passo” di Daimler. La produzione di massa sarà altresì decisiva per abbattere il costo delle batterie (sempre più performanti) e quindi anche quello di listino delle auto a emissioni zero: secondo gli analisti di Bloomberg l’aspettativa è che entro il 2030 una EV possa costare meno di un equivalente modello a benzina.

Progetti simili a quello tedesco, ideati per sfruttare il più possibile l’energia ricavata da fonti rinnovabili (come i panelli solari montati sulla Gigafactory di Tesla) sono già in cantiere anche in Svezia, Ungheria e Polonia: ciò significa che il costo delle batteria potrebbe, grazie alla loro diffusione, scendere di circa il 43% entro il 2021. Una risposta importante alle aziende asiatiche – come le coreane LG e Samsung – che attualmente monopolizzano il mercato dei battery-pack.

A mandare avanti la suddetta fabbrica tedesca ci penserà Accumotive, società sussidiaria di Daimler che programma di mettere sul mercato 10 nuove elettriche entro il 2022. Nel frattempo anche Volkswagen, l’altro colosso dell’industria automobilistica “made in Germany”, sta valutando joint-venture con aziende che producono batterie agli ioni di litio e programma allo stesso tempo di costruirsi la sua fabbrica: anche se al momento gli affari si fanno con suv alimentati a gasolio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto elettriche, in futuro faranno il pieno di energia in viaggio. Ma converrà?

next
Articolo Successivo

Dieselgate Fca, Delrio al contrattacco: “Potremmo chiedere un risarcimento a Volkswagen”. Che rischia una maxi multa in Francia

next