Maria Elena Boschi e Virginia Raggi: due donne politiche investite dall’attenzione mediatica e analizzate da due giornalisti, Andrea Scanzi de Il Fatto Quotidiano e Maria Teresa Meli de Il Corriere della Sera. Nel servizio de La Gabbia Open (La7) Scanzi e Meli rispondono alle domande poste sulla sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio e sulla sindaca di Roma. Si spazia dal caso Boschi-De Bortoli allo scandalo dei rifiuti a Roma fino alle qualità e ai difetti delle due donne. “Maria Elena Boschi ha azzeccato la sua lotta sulla riforma costituzionale e sulla riforma elettorale, anche se sono finite male” – osserva la firma del Corriere – “Non ha azzeccato, però, le scarpe leopardate. Il punto di forza della Raggi è il fatto di essere la prima donna che governa Roma. I suoi punti di debolezza? Tutti”. Di diverso avviso Andrea Scanzi: “Boschi ha sbagliato tante cose. Ha azzeccato una cosa: quando ha detto in televisione, e non solo, che, se avesse vinto il No al referendum costituzionale, si sarebbe dimessa e avrebbe abbandonato per sempre la politica. Purtroppo non è stata di parola. I difetti di Virginia Raggi? Non brilla esattamente in umiltà e non è una buona comunicatrice. I suoi punti di forza? E’ una persona onesta che si circonda di persone oneste

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Consip, Travaglio: “Renzi? Insofferente per la libera stampa come Berlusconi. Evoca tempi che speravamo passati”

prev
Articolo Successivo

Consip, Migliore (Pd) vs Vecchi: “Il Fatto? Vive di intercettazioni e di presenze nei talk show”. “Polemica grottesca perché arriva da voi”

next