Un insospettabile alleato nella cura dei ritardi mentali ereditari: è la metformina, il più diffuso farmaco per il diabete. Uno studio pubblicato sulla rivista Nature Medicine svela che, sperimentato sui topi, ha migliorato i sintomi della sindrome dell’X fragile, che causa ritardi nello sviluppo e problemi comportamentali.La sindrome dell’X fragile colpisce un maschio su 1250 e una femmina ogni 2500 ed è causata dalla mutazione del gene FMR1 sul cromosoma X. Fra i sintomi più diffusi ci sono iperattività e deficit dell’attenzione, ma anche crisi epilettiche, ansia e disturbi dello spettro autistico. Attualmente non esiste alcuna cura per questa malattia genetica, ma è stato dimostrato che modifica alcuni percorsi molecolari nel cervello: le connessioni tra le ramificazioni dei neuroni (quelle che inviano i segnali) si rompono, inficiando la memoria e l’apprendimento.

La metformina aveva già dimostrato i suoi effetti nelle cure tumorali: sulla base di questi risultati, i ricercatori delle Università di Montréal, McGill e Edimburgo hanno deciso di sperimentarla anche contro la patologia genetica del cromosoma X. Il trial condotto sui topi con la sindrome da X fragile ha dato risultati estremamente positivi: nell’arco di soli dieci giorni la sostanza aveva corretto le anomalie dendritiche (cioè delle ramificazioni dei neuroni) migliorando notevolmente i disturbi comportamentali e facilitando la socializzazione delle cavie. Ma oltre al risultato, la metformina ha un altro considerevole vantaggio: essendo una sostanza presente sul mercato da più di 30 anni e ampiamente utilizzata contro il diabete di tipo 2, i ricercatori sono tutti concordi che “la sua sicurezza e tollerabilità siano ben documentate”. Questo significa che il percorso di sperimentazione sarebbe molto più breve rispetto a qualsiasi altro farmaco senza storia clinica documentata, e quindi potrebbe essere disponibile come trattamento per la sindrome da X fragile molto prima.

Lo studio pubblicato su Nature Medicine

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autismo, nei maschi diagnosi più frequenti. Studio Usa: “Differenze nella biologia del cervello può renderli più vulnerabili alla malattia”

next
Articolo Successivo

Supervulcano dei Campi flegrei, “possibile eruzione più vicina del previsto. Bisogna prepararsi”

next