Protestava per gli schiamazzi di alcuni ragazzini e loro lo hanno aggredito. Un impiegato 56enne di Milano è in coma e rischia la vita dopo che intorno alla mezzanotte di sabato è stato colpito violentemente in testa con un ombrello da un ragazzino. L’aggressione è avvenuta durante un litigio tra l’uomo, che stava tornando a casa con la moglie, e un gruppo di giovani che lui aveva appena rimproverato perché facevano rumore con i loro motorini.

L’uomo è stato subito portato alla clinica Humanitas di Rozzano: in un primo momento le sue ferite non sono sembrate gravi. Nel corso della notte però le sue condizioni sono peggiorate di colpo, e adesso è in stato di incoscienza e in rianimazione per una emorragia cerebrale alla nuca. I carabinieri stanno indagando sul caso raccogliendo testimonianze ed esaminando i video delle telecamere di sorveglianza della zona. Gli aggressori, quattro o cinque, potrebbero essere giovani del quartiere, alla periferia sud di Milano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, le ‘magliette gialle’ del Pd dimostrano che l’emergenza rifiuti dipende dai cittadini

prev
Articolo Successivo

Regione Lombardia: sei malato? Non chiamare il medico, ora c’è il gestore

next