Una ragazza di 17 anni è morta a Genova dopo un cocktail di droghe che aveva assunto con la sua amica di 25 anni. Entrambe, italiane di origini ecuadoriane, erano state trasportate in ospedale ieri notte in coma.

Le due erano state ritrovate in stato di incoscienza da un pensionato, che ha chiamato subito i soccorsi, nell’abitazione di via Torricelli, nel quartiere di Borgoratti, dove la più grande aveva lavorato come badante della moglie dell’uomo, deceduta da tempo. La ragazza aveva ottenuto dall’anziano il benestare per poter accedere con un altro mazzo di chiavi nella casa in caso di necessità. L’uomo ha raccontato di non essersi accorto che la 25enne – che è in condizioni stabili e non è in pericolo di morte – era in casa con l’amica perché da tempo assume farmaci contro l’insonnia che lo fanno dormire tutta la notte.

Le indagini sull’overdose di cui sono state vittime le due giovani (positive ai test di numerosi stupefacenti) sono state avviate dai carabinieri della compagnia di San Martino che hanno aperto un’indagine per scoprire chi ha venduto la droga alle due ragazze. Sono state sottoposte anche agli esami per stabilire se siano anche state abusate sessualmente, anche se non presentano segno esterni evidenti di violenza. La 17enne vive nel capoluogo ligure con la famiglia, allertata del decesso dai militari. L’autopsia sul corpo della minorenne verrà effettuata domani all’ospedale San Martino di Genova, e darà informazioni utili agli inquirenti che indagano sul decesso della giovane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brexit, l’Agenzia europea del farmaco a Milano? La strada è lunga e in salita

prev
Articolo Successivo

Catania, espulso tunisino: ‘Era in contatto con Anis Amri, l’attentatore di Berlino’

next