“E’ stato un errore blindare la città, chiudere tutti i centri commerciali e pubblici, chiudere il cimitero, per paura della manifestazione dell’orgoglio “terrone” organizzata dai centri sociali di Napoli” è l’opinione della gente di Pontida che attonita ha assistito alla chiusura senza appello di tutta la cittadina. Ogni esercizio pubblico aveva le saracinesche abbassate, era impossibile trovare persino un posto dove bere un caffè. Il tutto perché si temeva che l’arrivo di diverse centinaia di attivisti dei centri sociali potessero mettere a ferro e fuoco la cittadina simbolo della Lega. Invece la manifestazione ospitata sul prato antistante il cimitero (che non è quello dove tradizionalmente si svolge una manifestazione della Lega) si è svolta in modo assolutamente tranquillo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lisbona, morto tifoso della Fiorentina: investito mentre fuggiva dagli scontri tra gli ultras alla vigilia di Sporting-Benfica

next
Articolo Successivo

Foggia, scossa di terremoto di magnitudo 4.0 nel Gargano

next