Gentiloni? Il primo provvedimento grande che ha portato in Aula è stato il salvataggio delle banche, mettendo 20 miliardi di euro a debito, e pagando con 8 miliardi di euro di tutti i contribuenti Mps, una banca che hanno spolpato loro. E poi ci dicono che non ci sono i soldi per il reddito di cittadinanza”. Sono le dure parole del deputato M5S, Alessandro Di Battista, intervenuto a Dimartedì (La7). E aggiunge: “Sono ipocriti. Ci sono ipocriti boriosi alla Renzi e ipocriti silenziosi come Gentiloni. Oggi il popolo italiano non può votare perché non c’è ancora una legge elettorale alla Camera e al Senato. E costoro parlano a noi di democrazia? Ma veramente si devono vergognare”. Critiche al vetriolo anche al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, intervenuto poco prima nella stessa trasmissione: “Ha detto che il pareggio di bilancio in Costituzione è stato un errore? E chi l’ha messo? Il Pd. Basta. Io lo dico ai cittadini: ora provano a riciclarsi in ogni modo e mi dispiace riferirmi anche al ministro Delrio. Dobbiamo coltivare la memoria, ricordandoci di quello che hanno fatto, e farli sparire politicamente, perché hanno dato il loro. Renzi ha portato avanti delle riforme per abolire il voto dei cittadini e grazie a Dio ha perso. Festeggiano i dati dell’Istat” – continua – “ma in realtà i dati di oggi sono drammatici: sono aumentati gli inattivi, cioè i giovani che il lavoro non lo cercano nemmeno più. E questi ipocriti impostori della democrazia, che si sono presentati come rottamatori e gli unici a rottamarli spesso sono i carabinieri con le attuali inchieste, vengono a vantarsi di uno “zero virgola”, quando c’è una sofferenza immane? Noi del M5S non siamo web e basta, stiamo tutte le settimane nelle piazze

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo Gentiloni, imprenditore vs Migliore (Pd): “Sgravi fiscali? È il vostro lavoro, siete pagati per questo. È il minimo sindacale”

next
Articolo Successivo

Luca e Paolo debuttano a Dimartedì: “In Rai tagliano i compensi ai comici? E noi vi salutiamo da La7”

next