Molti degli acquirenti dei grossi suv che popolano le strade cittadine dichiarano di aver scelto le loro (a volte mastodontiche) sport utility per il senso di dominio sul traffico garantito dalla posizione di guida elevata.

Per questo il sogno proibito dei suddetti automobilisti potrebbe presto diventare l’“Hum Rider” che vedete installato sulla Jeep Gran Cherokee immortalata nelle immagini di apertura: trattasi di un kit che stravolge completamente il comparto sospensivo di serie della vettura e permette di trasformarla in un mezzo capace di “bersi” quasi ogni coda.

L’idea di base è semplice: una volta in fila, l’auto può allargare la sua carreggiata ed alzarsi da terra di qualche metro grazie a bracci meccanici estensibili e sospensioni idrauliche, esattamente come si vede spesso nei cartoni animati o nei film di fantascienza. A garantire un occhio su cosa succede sotto il veicolo ci pensano le telecamere che proiettano le immagini sullo schermo dell’infotainment di bordo.

Ciò permette letteralmente di scavalcare gli altri automobilisti, gonfiando non poco l’orgoglio del proprietario e di bile il fegato degli altri utenti della strada. Il sistema in questione è stato progettato dall’ingegner Scott Beverly della A2ZFX e fa davvero molto Traformers. Vi solletica, vero? Peccato che si tratti solo di un prototipo costruito come unico esemplare per una campagna pubblicitaria virale di Verizon, il più grande provider di telecomunicazioni statunitense.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salone di Ginevra 2017, ma quali auto verdi. Ecco le 5 supercar che fanno sognare

prev
Articolo Successivo

Volkswagen Golf, il green è servito. In rampa di lancio elettrica e ibrida plug-in – FOTO

next