“Ho seguito la crescita del web 2.0 passo dopo passo e appena ho potuto ho trasformato questa passione nel mio lavoro”. Marcello Silvestri, nato a Napoli 25 anni fa, è cresciuto negli anni del boom del web. E ben presto ha imparato a cavalcare l’onda: “Appena terminato il liceo ho cominciato a lavorare in questo settore, ispirato da mio zio che aveva un’azienda informatica”, racconta. Marcello, però, ha fatto tutto da solo: “Ho studiato perlopiù da autodidatta – ricorda – e pian piano mi sono costruito la mia rete di clienti”.

Così, alla sua giovane età, può già vantare sette anni di lavoro nel settore della programmazione di app e siti web. A un certo punto, però, l’Italia gli è diventata stretta: “Ho capito che dovevo fare il salto di qualità – spiega -, e l’idea di aprire un’azienda nel nostro Paese non mi ha neanche sfiorato”. Il problema? “Troppe tasse”. Così nell’estate del 2015 ha cominciato a prendere in considerazione l’idea di trasferirsi all’estero. E, dopo un’attenta valutazione, la scelta è ricaduta su Londra: “È la città europea in cui le novità in campo tecnologico e informatico arrivano prima – sottolinea -, così ho iniziato a pianificare il mio trasferimento”.

“Ho capito che dovevo fare il salto di qualità e l’idea di aprire un’azienda nel nostro Paese non mi ha neanche sfiorato”

Il suo obiettivo era quello di aprire un’impresa, ampliando così la sua rete di servizi e di clienti: “Per cinque mesi mi sono preparato sugli step da seguire una volta arrivato e devo dire che la burocrazia inglese è decisamente più gestibile di quella italiana. A Londra esistono aziende che ti aiutano ad aprire la tua azienda e le tasse sono meno opprimenti”. Atterrato nella capitale inglese nell’ottobre 2015, nel giro di un paio di mesi Marcello è riuscito ad avviare la sua Wiredmark, società che si occupa di consulenza e servizi per il web: “Ovviamente ho dovuto aumentare il costo dei miei lavori, d’altronde non ero più un semplice freelance – sottolinea -, ma tutti i miei clienti hanno capito e apprezzato questo salto”. Il trasferimento, poi, gli ha permesso di ampliare i suoi orizzonti a tutta l’Europa, dalla Svizzera alla Spagna. Ora, però, Marcello sogna l’Oriente: “Mi sono messo d’impegno a studiare il cinese e per ora ho conseguito una certificazione HSK1”, racconta.

Al momento, per rispondere nei tempi alle richieste dei clienti, Marcello si serve di una rete di freelance, ma a fine 2016 è riuscito a mettere a segno la sua prima assunzione: “Ho ingaggiato un account manager che si occupa di gestire le relazioni con i clienti”, spiega. Le cose hanno preso la piega giusta e non soltanto in ambito lavorativo: “Qui a Londra ho conosciuto una ragazza vietnamita, che studia economia – racconta -, ho capito subito che era la donna giusta per me e dopo qualche mese ci siamo sposati”.

“Per affittare un appartamento per due persone ci vogliono duemila pound al mese”

Qualche limite, però, ce l’ha anche la capitale inglese: “Il costo della vita è altissimo, per affittare un appartamento per due persone ci vogliono duemila pound al mese”, sottolinea. Così, per il 2017, lui e sua moglie stanno programmando di trasferirsi a Birmingham, dove i prezzi sono decisamente più abbordabili: “Se tutto va bene riusciremo a fare il mutuo e a comprare una casa. E poi ho la fortuna di poter lavorare ovunque mi trovi, basta avere un pc”, spiega. Di tornare in Italia, per ora, non se ne parla: “Il nostro è un Paese meraviglioso, ma per le piccole imprese è difficilissimo crescere – ammette -, qui invece, nonostante la concorrenza agguerrita, se sei in gamba riesci a far sentire la tua voce”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ingegnere in Svizzera. “Al Sud cresciamo sapendo che ce ne andremo. A Berna c’è equilibrio tra vita privata e ufficio”

next
Articolo Successivo

Infermiere in Svezia. “L’Italia mi ha sbattuto la porta in faccia. Qui riesco anche a risparmiare”

next