Io sono un fedele spettatore di Rai tre. Sono di quelli che si affezionano, per i giornalisti che vedo quotidianamente nutro quasi amicizia, anche se ovviamente a senso unico. Perciò ho provato una certa delusione, sentendo a Linea Notte del 23 febbraio due di loro parlare ripetutamente di scoperta di una nuova galassia, quando invece si trattava di un nuovo sistema planetario. Molti, probabilmente, obietteranno: “Cosa vuoi che sia, mica sono laureati in Astronomia!”. A me invece pare che questo errore sia l’ennesimo, preoccupante sintomo dello scollamento fra le due culture, quella scientifica e quella cosiddetta umanistica. Spero che i lettori di questo blog vogliano contribuire con analoghe perle raccolte in altri programmi o giornali.

Lo scollamento non è simmetrico. In Italia è molto maggiore la conoscenza – almeno elementare e nozionistica – dell’ambito umanistico da parte di chi appartiene all’ambito tecnico-scientifico che viceversa. Ce ne possiamo rendere conto immaginando strafalcioni analoghi in campo politico, storico o letterario. Come reagirebbe il lettore se un giornalista confondesse un partito col Senato? O il Comune di Casalecchio di Reno con l’Italia? O la battaglia di El Alamein con la Seconda guerra mondiale? Considerando che nella nostra galassia (la Via Lattea, Galassia per antonomasia) ci sono circa 100 miliardi di stelle, quindi di potenziali sistemi planetari, si tratterebbe di errori ben più lievi. Per par condicio invito comunque i lettori a portare esempi di svarioni nei campi delle scienze umane; sono particolarmente graditi quelli commessi da professori universitari.

Non sono così intollerante da irritarmi per imprecisioni marginali, ma se una notizia può essere riassunta in dieci parole, secondo me quelle dieci parole dovrebbero essere corrette. Questo vale anche per aspetti non scientifici: ho già discusso in questo blog sulla trascuratezza nella pronuncia o nell’ortografia da parte di professionisti della parola.

Ho scritto alla Rai segnalando l’errore astronomico, ma non ho ottenuto risposta. D’altra parte non ricevetti risposta neanche quando avevo denunciato, qualificandomi, un completo travisamento di una notizia matematica nel Tg scientifico Leonardo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata malattie rare 2017, nascono reti europee per il coordinamento delle cure. “Una patologia su 4 senza diagnosi”

next
Articolo Successivo

Atrofia muscolare spinale, parte la somministrazione del nuovo farmaco: “Può fermare l’aggravarsi della malattia”

next