“Sì”, “no”, “nì”, “vedremo”. O ancora: “Troveremo le formule per un voto comune”. Appena nato, ma già diviso sul nodo decisivo della fiducia al governo. Nel giorno del suo lancio a Roma, alla città dell’Altra economia, Articolo 1 – Movimento dei Democratici e Progressisti”, il gruppo che riunisce Speranza, Rossi e gli ex Pd con Scotto e gli scissionisti di Sel, viaggia già in direzioni sparse sul sostegno o meno all’esecutivo Gentiloni. Prevedibile, dato che a unirsi sono i bersaniani che hanno lasciato il Nazareno in rotta con Renzi per le accelerazioni sulla fine della legislatura, e chi, come gli ex vendoliani, non ha invece mai appoggiato il governo Gentiloni, bollato come “fotocopia” di quello Renzi. Il primo scoglio saranno i decreti su sicurezza e immigrazione, in arrivo nelle prossime settimane. “Li voteremo, sosteniamo il governo”, taglia corto Gugliemo Epifani. “Se dovessero essere particolarmente negativi per chi è più fragile, non potremo votarli”, ha invece replicato Arturo Scotto, l’ex capogruppo alla Camera di Sel-SI. “Non nasciamo scissi al nostro interno, vedremo nei gruppi come comportarci”, ha aggiunto un altro ex bersaniano come Nico Stumpo. Che però chiarisce: “Noi facciamo parte della maggioranza“. “Il governo Gentiloni da noi bollato come fotocopia? I nuovi gruppi saranno in netta discontinuità con le politiche degli ultimi anni”, ha rivendicato al contrario Alfredo D’Attore, ex bersaniano che ha lasciato ormai da mesi il Nazareno. Ma tra gli ex Sel c’è chi, come Michele Piras, è ancora più netto, spiegando che non voterà i decreti Minniti in arrivo in Parlamento su migranti e sicurezza: “Non si può chiedere di votare subito la fiducia a chi, come me, ha avuto un atteggiamento di netta contrapposizione sul merito. Su alcune cose si può aprire, penso allo ius soli. Ma di certo non su politiche sulla sicurezza che non mi appartengono”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Enrico Rossi canta ‘La Locomotiva’ di Guccini alla presentazione di ‘Democratici e Progressisti’

prev
Articolo Successivo

Pd, Orlando: “Renzi in California? Io a Scampia e Quarto Oggiaro. Raccogliere rabbia sociale, non è solo una gara”

next